Torna alla home
Home > La necropoli
Veduta aerea dell'area della necropoli, prima degli scavi. Veduta aerea dell'area della necropoli, prima degli scavi.

La necropoli di Colle del Forno

La necropoli di Colle del Forno si trova sulla sommità pianeggiante di un'altura prospiciente il Tevere. Individuata fortuitamente nel 1970, è stata indagata nel corso di quattro campagne di scavo, eseguite sotto la direzione scientifica del Centro di studio per l'archeologia etrusco-italica del CNR (settembre 1971; luglio-agosto 1972; luglio-agosto 1974; settembre-ottobre 1979). Gli scavi hanno portato alla scoperta di 23 tombe, in parte violate, disposte sui due versanti della collina e databili tra la fine del VII e il IV-III secolo a.C. Con la fine del III secolo a.C. la necropoli cadde in disuso e l'altura fu sfruttata come terreno agricolo. Un rituale di desacralizzazione dell'area sembra testimoniato dal ritrovamento di una fossa votiva, databile sulla scorta dei materiali alla metà del II secolo a.C. Dopo un periodo di interruzione, che ha permesso il restauro dei corredi di tutte le tombe e la loro esposizione nel Museo Civico Archeologico di Fara in Sabina, gli scavi sono ripresi nel mese di aprile del 2000 e sono tuttora in corso.